Penale

25 Luglio 2017

Arriva il delitto di tortura.

La legge 14 luglio 2017 n. 110 “Introduzione del delitto di tortura nell’ordinamento italiano” pubblicata sulla GU n.166 del 18-7-2017 ed entrata in vigore il 18 luglio 2017 ha introdotto nel nostro ordinamento due nuovi reati.

Ecco i testi delle disposizioni introdotte dall’art 1 della suddetta legge:

Art. 613-bis (Tortura). – Chiunque, con violenze o minacce gravi, ovvero agendo con crudelta’, cagiona acute sofferenze fisiche o un verificabile trauma psichico a una persona privata della liberta’ personale o affidata alla sua custodia, potesta’, vigilanza, controllo, cura o assistenza, ovvero che si trovi in condizioni di minorata difesa, e’ punito con la pena della reclusione da quattro a dieci anni se il fatto e’ commesso mediante piu’ condotte ovvero se comporta un trattamento inumano e degradante per la dignita’ della persona. Se i fatti di cui al primo comma sono commessi da un pubblico ufficiale o da un incaricato di un pubblico servizio, con abuso dei poteri o in violazione dei doveri inerenti alla funzione o al servizio, la pena e’ della reclusione da cinque a dodici anni. Il comma precedente non si applica nel caso di sofferenze risultanti unicamente dall’esecuzione di legittime misure privative o limitative di diritti. Se dai fatti di cui al primo comma deriva una lesione personale le pene di cui ai commi precedenti sono aumentate; se ne deriva una lesione personale grave sono aumentate di un terzo e se ne deriva una lesione personale gravissima sono aumentate della meta’. Se dai fatti di cui al primo comma deriva la morte quale conseguenza non voluta, la pena e’ della reclusione di anni trenta. Se il colpevole cagiona volontariamente la morte, la pena e’ dell’ergastolo.

Art. 613-ter (Istigazione del pubblico ufficiale a commettere tortura). – Il pubblico ufficiale o l’incaricato di un pubblico servizio il quale, nell’esercizio delle funzioni o del servizio, istiga in modo concretamente idoneo altro pubblico ufficiale o altro incaricato di un pubblico servizio a commettere il delitto di tortura, se l’istigazione non e’ accolta ovvero se l’istigazione e’ accolta ma il delitto non e’ commesso, e’ punito con la reclusione da sei mesi a tre anni».

Ultimi articoli

Amministrativo 11 Dicembre 2019

Atti di un fascicolo di parte: chi ne può avere copia?

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Campania Sezione Prima ha di recente riaffermato il principio per cui mentre i provvedimenti del Giudice sono acquisibili da chiunque, la stessa regola non vale per gli atti dei fascicoli di parte che possono essere ottenuti solo da chi sia parte del processo.

Procedura civile 4 Dicembre 2019

Servizio seguimi di Poste e irregolarità della notifica

In tema di procedimento notificatorio dell’accertamento tributario, la Sezione V civile Tributaria della Cassazio

Civile 21 Novembre 2019

Divieto di prova per testi nei contratti formali

La Seconda Sezione civile ha disposto la trasmissione degli atti al Primo Presidente per l’eventuale assegnazione

Amministrativo 20 Novembre 2019

Agenzia delle Entrate Riscossione: chi la difende? L’Avvocatura dello Stato o gli avvocati del libero foro?

Le Sezioni unite civili della Corte di Cassazione con Sentenza n.

torna all'inizio del contenuto