Amministrativo

11 Dicembre 2019

Atti di un fascicolo di parte: chi ne può avere copia?

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Campania Sezione Prima ha di recente riaffermato il principio per cui mentre i provvedimenti del Giudice sono acquisibili da chiunque, la stessa regola non vale per gli atti dei fascicoli di parte che possono essere ottenuti solo da chi sia parte del processo.

E’ l’ordinanza n. 5701/2019 del 4.12.2019.

Ecco il link per leggere l’ordinanza

Ecco il passo rilevante della motivazione:

“Quanto alla disciplina applicabile all’ “accesso” agli atti del (di un) fascicolo d’ufficio, ritiene il Collegio che debba distinguersi tra atti e provvedimenti del giudice e atti dei fascicoli parte:

– il rilascio di copia degli atti del processo a “chiunque vi abbia interesse”, anche senza essere parte del giudizio, è previsto solo per i provvedimenti del giudice (art. 7 disp. att. cod. proc. amm.; art. 744 cod. proc. civ.);

– la visione ed il rilascio di copia degli atti dei fascicoli di parte risulta invece disciplinato dall’art. 76 delle disposizioni di attuazione del codice di procedura civile, applicabile al processo amministrativo in virtù del rinvio di cui all’art. 39, co. 1, cod. proc. amm., nel senso della limitazione di tali facoltà solo alle parti e/o ai loro difensori muniti di procura.

In particolare ritiene il Collegio che – se pure la modifica testuale apportata nel 1994 abbia esteso il novero dei soggetti che sono abilitati all’accesso al fascicolo processuale anche alle parti non costituite – debba pur sempre trattarsi di soggetti cui sia possibile attribuire la qualità di “parti” o perché siano state destinatarie della notificazione di una qualche “chiamata in giudizio” o perché rivestano comunque la veste di “litisconsorti necessari” o, nel processo amministrativo impugnatorio, di “controinteressati pretermessi”.

E ciò in quanto il Collegio ritiene di condividere l’orientamento restrittivo emerso dai primi pronunziamenti del giudice amministrativo, nel senso di escludere l’applicabilità in materia della disciplina – o anche solo dei principi – relativi all’accesso alla documentazione amministrativa (per tutti, cfr. la recente ordinanza n. 7202/2019 della VI sezione del Consiglio di Stato)………….”

Atti di un fascicolo di parte: chi ne può avere copia?

Ultimi articoli

Civile 4 Giugno 2020

Responsabile che spedisce un assegno con posta ordinaria e non raccomandata

Le Sezioni unite civili, pronunciando su questione di massima di particolare importanza, hanno affermato il seguente principio di diritto: «La spedizione per posta ordinaria di un assegno, ancorché munito di clausola d’intrasferibilità, costituisce, in caso di sottrazione del titolo e riscossione da parte di un soggetto non legittimato, condotta idonea a giustificare l’affermazione del concorso di colpa del mittente, comportando, in relazione alle modalità di trasmissione e consegna previste dalla disciplina del servizio postale, l’esposizione volontaria del mittente ad un rischio superiore a quello consentito dal rispetto delle regole di comune prudenza e del dovere di agire per preservare gl’interessi degli altri soggetti coinvolti nella vicenda, e configurandosi dunque come un antecedente necessario dell’evento dannoso, concorrente con il comportamento colposo eventualmente tenuto dalla banca nell’identificazione del presentatore».

Civile 18 Febbraio 2020

Esecuzioni: cancellazione dei gravami e definitivita’ del decreto di trasferimento.

La Prima Sezione civile della Cassazione ha disposto la trasmissione degli atti al Primo Presidente per l’eventuale rimessione alle Sezioni Unite della seguente questione di massima di particolare importanza, di rilevante impatto sul contenzioso in materia di vendite esecutive o fallimentari: se, nei procedimenti di espropriazione e vendita forzata immobiliare, il decreto di trasferimento del bene, recante l’ordine di cancellazione dei gravami (pignoramenti, ipoteche, privilegi, sequestri conservativi) determini, in forza dell’art.

torna all'inizio del contenuto